DA FRASCINETO A BERGAMO: UN VIAGGIO CON LE ICONE CHE E’ SOLO ALL’INIZIO

L’estate 2014 è stata contrassegnata da un insperato e, al tempo stesso, lusinghiero slancio per il progetto culturale de “I sentieri dell’icona”. Partito un po’ in sordina, senza le grancasse di pubblicità e media, il nostro itinerario è riuscito a qualificarsi attraverso eventi di ampio respiro che hanno permesso di approfondire aspetti diversi eppure univoci della ricchezza dell’icona. Al Museo delle icone e della tradizione bizantina di Frascineto (Cosenza), i per lo più inesplorati legami che, anche nel tempo cupo della repressione antireligiosa del regime sovietico, sono rimasti solidi fra la tradizione iconografica dell’Oriente cristiano, e in particolare della Russia, e gli stili della propaganda dell’Uss; presso la parrocchia di Sant’Alessandro in Colonna, a Bergamo, le molteplici sfaccettature in cui si è articolato il vasto e, storicamente, ricchissimo filone dell’arte sacra nelle terre della Rus’.

IMG_0653

L’allestimento della mostra di antiche icone russe a Bergamo

Dobbiamo gratitudine ai tanti amici di questo sito che, raccogliendo le notizie e le informazioni contenute nelle diverse sezioni di questo spazio web, hanno accolto l’invito a visitare i due percorsi espositivi: il primo significativamente intitolato “Dalla Santa Russia all’Unione Sovietica e ritorno”; il secondo denominato, in maniera altrettanto emblematica, “Bellezza divina. Quando l’arte racconta la fede”. In queste settimane intense e, per certi versi, emozionanti, abbiamo vissuto incontri molto ricchi anche dal punto di vista umano; in tanti, spesso spinti dalla semplice curiosità, si sono accostati alle proposte culturali a cui abbiamo collaborato con la possibilità – riteniamo gratificante – di vedere un intero mondo schiudersi davanti a sé.

10559741_815808801784952_4962168909325312373_n

Il prof. Gaetano Passarelli (al centro) all’inaugurazione dell’esposizione di Frascineto

E’ questa, al di là dell’appuntamento quotidiano con queste pagine, la cifra che intendiamo perseguire per il futuro. Il supporto del Comitato scientifico che ci affianca, e di cui riferiamo nelle parti introduttive di questo spazio web, è una pre-condizione fondamentale. Per le iniziative a cui ci è stata data possibilità di collaborare dobbiamo un grazie sentito e riconoscente al professor Gaetano Passarelli, direttore scientifico del Museo di Frascineto, che ci ha scelti come interlocutori privilegiati, e al dottor Giovanni Boschetti, responsabile di Academia Ikon Rus’ di Montichiari, il quale ci ha messo nella condizione di parlare di icone “sul territorio” affiancati dalle sue opere di eccezionale qualità. Sentimenti di autentica riconoscenza vanno anche al professor Giovanni Codevilla, insigne studioso dei rapporti fra Stato e Chiesa in Russia, per aver animato, con spirito di generosa disponibilità, uno degli incontri più apprezzati nel carnet della mostra di Bergamo.

Assicuriamo: non è stato che l’inizio. Altri eventi già si approssimano all’orizzonte. Di questi daremo conto presto in maniera più puntuale. Contando – perché da essa non possiamo prescindere – sull’attenzione di quanti ci hanno dimostrato la loro fiducia. Ad essi pure va il nostro grazie sentito ed affettuoso.

Alessandro Borelli

coordinatore del progetto culturale “I sentieri dell’icona”