“LA CONFESSIONE, UN DONO PER ACCRESCERE LA NOSTRA FEDE”

1498011_10201832413558218_2345569455328004548_o

Pubblichiamo un brano tratto dalle meditazioni di p. John Whiteford, sacerdote della Chiesa ortodossa russa, dedicato al tema della confessione. Come è noto, l’attenzione e il richiamo all’importanza della frequenza di questo sacramento sono costanti anche nell’insegnamento di Papa Francesco. Ringraziamo Nicola Maria D’Amico per aver proposto nella sua pagina Facebook questo breve ma intenso testo.

“La confessione è un grande dono. Dobbiamo umiliarci perché, otteniamo vittoria sull’orgoglio, e perché siamo ritenuti responsabili ci viene dato un potente strumento per aiutare a progredire nella vita cristiana. Una delle più grandi critiche (…) alla confessione è che siamo in grado di tornare a peccare quanto vogliamo, e poi farci perdonare tutto alla confessione – e che, pertanto, la confessione è una licenza di peccare. Ovviamente nessuno che sia mai andato a confessarsi potrebbe pensare una cosa del genere – perché anche se dovremmo essere pieni di vergogna solo per il fatto che Dio sa che abbiamo peccato, di fatto, nella nostra carne siamo più pieni di vergogna quando altri uomini sanno dei nostri peccati. Quando si va alla confessione (…) – abbiamo aggiunto al nostro timore di Dio (che è qualcosa che dobbiamo sviluppare) un testimone che ci chiama a questo compito. Quando arriva la tentazione, il fatto che sappiamo che saremo pieni di vergogna a confessare questo peccato la settimana dopo aggiunge ulteriore forza alla nostra resistenza.
p. John Whiteford, sacerdote della Chiesa ortodossa russa