IL BACIO DEL PAPA ALL’ICONA DELLA MADRE DI DIO DONATA DA PUTIN

Putin in Italia: vede il Papa e Napolitano, poi a cena da Berlusconi

Poco più di mezz’ora di colloquio, in Vaticano, per discutere, anzitutto, di pace e, in particolare, di pace nella martoriata Siria. Tanto è durato l’atteso incontro fra il presidente russo, Vladimir Putin, e Papa Francesco nella serata di lunedì 25 novembre. Secondo quanto riferito da un comunicato ufficiale della Santa Sede, al centro del colloquio, avvenuto nella Sala della Biblioteca dell’appartamento papale nel Palazzo Apostolico, ci sono state “le iniziative per favorire una soluzione pacifica del conflitto in Siria”. Al termine, dopo il tradizionale scambio dei doni, il Papa ha baciato l’icona ortodossa della Madonna di Vladimir che gli ha donato Putin dopo che lo stesso presidente l’aveva baciata. Il Pontefice ha regalato all’ospite una formella di mosaico raffigurante i giardini vaticani, mentre Putin ha regalato a Papa Francesco una copia dell’icona della Madonna di Vladimir molto venerata in Russia. Mentre il Papa si allontanava, Putin – a quanto riportato dai giornalisti presenti ai momenti pubblici dell’incontro – ha trattenuto Bergoglio e, con l’aiuto degli interpreti, gli ha domandato se gli piaceva. Dopo la risposta affermativa del Papa, Putin si è fatto il rituale segno della croce ortodosso e ha baciato l’icona, che anche il Papa ha baciato (nella foto Ansa). Putin, entrato nella biblioteca del Santo Padre alle 17.49 – con 49 minuti di ritardo sull’orario previsto a causa del volo aereo – era accompagnato, tra gli altri, dal ministro della Difesa Sergei Lavrov, dal ministro della Difesa Sergeij Shoigu e dal vicepremier Arkady Dvorkovich.