CIPRO: RESTITUITI QUASI 200 OGGETTI SACRI RUBATI 40 ANNI FA

Cyprus-1

Quasi 200 oggetti, fra icone, frammenti di mosaici e strappi di affresco rubati nella parte turca di Cipro e da poco recuperati in Germania, sono stati restituiti, con una cerimonia ufficiale, alla Chiesa cipriota. Della raccolta fanno parte preziosissimi reperti: oltre a decine di icone, vi figurano frammenti di un mosaico che risale a 1.500 anni fa e raffigura San Tommaso e affreschi di altri Santi, di oltre un millennio. Tra le opere restituite ci sono anche icone del XIV secolo della Vergine Maria della Misericordia del monastero di san Giovanni Crisostomo del villaggio di Koutsoventis.
“La Chiesa di Cipro è felice che dopo 40 anni questi tesori siano rientrati in patria”, ha detto l’arcivescovo Chrysostomos II, metropolita della Chiesa ortodossa sull’isola. Le opere erano state rinvenute nel 1997 nell’appartamento di un commerciante d’arte turco, Aydin Dikmen, a Monaco di Baviera, in Germania. Adesso le opere saranno esposte (nella foto, una parte dell’allestimento) e successivamente sottoposte a lavori di restauro nel Museo bizantino presso l’arcivescovado di Nicosia. Parecchie di esse, infatti, risultano gravemente danneggiate perché i ladri, per poterle meglio trasportare, le hanno tagliate in frammenti più piccoli.