SEBASTOPOLI, UNA CROCE NEGLI ABISSI PER LE VITTIME DEL MARE

 

image19

Un “santuario subacqueo” per ricordare tutte le vittime del mare. L’iniziativa, progettata da tempo e fortemente voluta dai subacquei della Crimea, è finalmente stata realizzata, con la collocazione sul fondo marino di una grande Croce metallica, sul fondo del Mar Nero nel distretto della baia di Karantinnaja a Sebastopoli. La complessa operazione di posa della Croce (nella foto, una fase delle operazioni) ha ottenuto la benedizione del metropolita Volodymyr di Kiev e di tutta l’Ucraina. Il progetto di alto valore simbolico è stato inserito nel programma internazionale “Mare sacro” in concomitanza con le celebrazioni dedicate al 1025esimo anniversario del Battesimo della Rus’. “L’evento – come hanno spiegato i promotori – è stato pensato per rafforzare i legami storici, culturali e spirituali tra i popoli di Ucraina, Russia e Belarus, e tra le persone associate a diversi tipi di sport subacquei, nonché i rappresentanti delle unità di soccorso militari e sottomarine”.
La cerimonia di posa della Croce si è aperta con la celebrazione di una suggestiva Divina liturgia nella cattedrale di San Vladimir, a Sebastopoli, durante la quale l’arciprete Sergej Khaljuta ha compiuto il rito della consacrazione della Croce in memoria dei caduti in mare. In seguito, la stessa è stata sistemata dai subacquei sul fondale della baia di Karantinnaya.